IL PROTOCOLLO CHEMICAL MANAGEMENT 4SUSTAINABILITY

Protocollo Chemical Management 4sustainabilityIl Protocollo 4sustainability per il Chemical Management è un sistema per la corretta gestione delle sostanze chimiche, messo a punto per eliminare gradualmente dai processi produttivi quelle tossiche e nocive per la salute dell’uomo e l’ambiente. Il protocollo nasce dalla sintesi di ciò che i più importanti brand del mondo, attraverso i capitolati, richiedono alle aziende della filiera e dalla capacità di risposta di queste ultime.
4sustainability è il primo service provider italiano che lavora con i fashion brand e le aziende della filiera per lo sviluppo sostenibile. A crearlo, in partnership con Brachi Testing Services, una società come Process Factory impegnata a sua volta nel supportare le aziende con soluzioni integrate per la sostenibilità del proprio business, intervenendo su processi, persone e performance.

La sostenibilità, insomma, fa parte da sempre del DNA di 4sustainability, così come le competenze necessarie per trasformare un iter complesso ma necessario per la crescita in un percorso per obiettivi concreti, raggiungibili e misurabili. Di qui la scelta di lavorare a stretto gomito con molti brand della moda e di aderire al tavolo di lavoro più importante che li riunisce tutti o quasi intorno al tema cruciale del chemical management. Parliamo chiaramente di ZDHC – Zero Discharge of Hazardous Chemicals, di cui Process Factory è contributor – come anche Brachi – e primo training provider accreditato per l’Italia.

Decidere di assumersi un impegno ambizioso come l’eliminazione delle sostanze chimiche pericolose dai processi produttivi è un’azione di grande responsabilità e un’opportunità irrinunciabile di sviluppo. Ma come attuare, nel concreto, questo cambiamento?

Di qui la nascita del Protocollo 4sustainability per il Chemical Management, un percorso incentrato su:

  • metodo: strutturato, chiaro, univoco e condiviso tra gli attori della filiera della moda
  • obiettivi: realistici, precisi e sostenibili
  • risultati: concreti, misurabili, evidenti e comunicabili

“Sostenibilità vuol dire prima di tutto trasparenza e collaborazione”, spiega Francesca Rulli, sustainability manager di Process Factory e cofondatrice con Giulio Lombardo, direttore commerciale e marketing di Brachi, di 4sustainability. “Per questo motivo, nella sezione Aziende 4sustainability del sito 4sustainability, abbiamo voluto dare visibilità alle aziende che hanno implementato i nostri protocolli per lo sviluppo sostenibile, non solo quello per la gestione delle sostanze chimiche in produzione, ma quello per il reporting, per la sostituzione delle materie prime tradizionali con materie prime a elevato contenuto di sostenibilità e così via”.